Storia S. Sighele

La scuola media sorse in Italia grazie alla Legge Istituzionale n°899 del 1 luglio 1940. A Riva del Garda la sede iniziale fu  individuata nell'edificio posto in viale Lutti, che ospitava al piano superiore anche il Liceo classico. Nel 1963, data di avvio della legge che istituisce la scuola media obbligatoria, venne registrata una maggior richiesta di scolarizzazione e dato il poco spazio a disposizione, si decise di istituire due scuole medie; una denominata "Damiano Chiesa", si stabilì negli edifici occupati in parte dalle elementari "Nino Pernici" in viale Damiano Chiesa", mentre la "Scipio Sighele" si trasferì nel Convento dell'Inviolata, in largo Marconi. Nei primi anni '70 due sezioni complete si spostarono a Varone presso il convitto dei padri Verbiti per attuare un nuovo modulo scolastico di tipo sperimentale, che terminò nel 1980, quando avvenne il ricongiungimento di tutte le 18 classi presso il nuovo edificio all'interno del quartiere PEEP, chiamato successivamente "Rione 2 giugno". Il piano urbanistico approvato nel 1972 ha infatti favorito il rapido insediamento di circa 3000 persone che hanno trovato la loro residenza in alcuni grandi edifici e in altre costruzioni più ridotte. Tra le infrastrutture che si resero necessarie per completare questo quartiere vi fu appunto un'area per i servizi culturali e sociali. Sono dunque sorte la scuola media "Scipio Sighele", la piscina, l'asilo nido, la scuola materna e una palazzina per i servizi. Il piano è stato recentemente completato con la realizzazione di un centro sportivo polivalente dotato di campi da calcio, pallacanestro e rettilineo per l'atletica, situato ad ovest della scuola, la quale dispone di una palestra attrezzata, di un auditorium e di spazi esterni con aree per l'attività sportiva e ricreativa.

Letto 7300 volte

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker